NEW YORK CITY – THE BIG APPLE

Ecco il mio primo post della categoria “Viaggi”!

Poco fa mi sono posto la domanda “Bene, e adesso da quale inizio?” e nemmeno il tempo di finire di formularla nella mia testa che già dentro di me avevo la risposta… NEW YORK CITY !!!!

NY9

Perché proprio NY? Beh, è stato uno dei miei viaggi più recenti (Gennaio 2014) e forse quello più desiderato di sempre … l’America, quel posto quasi irraggiungibile che fin da piccolo mi ha “perseguitato” in tutti i migliori film e telefilm e mi ha fatto innamorare … e ogni volta speravo un giorno di poterci andare … fino a quando, finalmente, questo sogno si è avverato!!!

Dove andare? … Beh per la prima volta in America secondo me non si può non andare a New York … per me America = NYC! ahah … In più io e i miei amici abbiamo deciso di attaccare anche Miami, sia per la curiosità di vederla (mio secondo sogno), sia per goderci una vacanza estiva in pieno inverno (Febbraio) e soprattutto per riprenderci dal freddo polare della Grande Mela!  (Vabè per fortuna la premessa era di esser breve nei racconti + suggerimenti e consigli!! ahah scusate ma non ho il dono della sintesi!)

Cooomunque … Cercando di fare un po’ mente locale …

Innanzitutto bisogna prenotare i voli … Eh si, direi fondamentale come cosa non essendo proprio dietro l’angolo! ahah … Il primo consiglio (forse scontato) è quello di prenotare il prima possibile così da trovare i prezzi più convenienti … E se non avete il passaporto ricordatevi di farlo in anticipo (di solito ci vuole circa 1 mese) perché potrebbe essere necessario per la prenotazione del volo (dipende da sito o agenzia) … Secondo consiglio: scegliere il periodo!! … Avendo scelto l’America come vacanza invernale inizialmente ero tentato di fare Natale a New York (classico, con quell’atmosfera magica che si vede nei film) e Capodanno a Miami … ovviamente programma saltato per motivi organizzativi quindi io e i miei amici non abbiamo deciso di posticipare il viaggio: NY a fine Gennaio e Miami a inizio Febbraio … beh, parlando anche a nome loro, non ce ne siamo pentiti! … New York sempre caotica ma non essendo sotto periodo di feste era più tranquilla e bella da visitare e vivere con le persone del posto, non circondati solo dai classici turisti … Miami clima perfetto mediamente tra i 25 e 30 gradi, quindi non si moriva di caldo e per fare un paragone sembrava di essere tranquillamente a Giugno/Luglio in Italia! … quindi clima ok, per il resto tante feste organizzate in piscine, rooftop e serate nei locali, ma forse se uno vuole il divertimento esagerato stile Ibiza (per cui è famosa anche Miami) forse il periodo più adatto è quello di Aprile quando ci sono tutti i vari festival! Cazzo un poema e non siamo ancora “atterrati”! ahah … bene il mio motto sarà “chi mi ama mi segua, anzi, mi legga”! ahah

Ok dai siamo in aereo, pronti alle mille ore di volo (9 ore infinite ma “volate” tanto era l’attesa di arrivare!) … Come compagnia abbiamo scelto American Airlines … tanti la consigliavano, altrettanti la sconsigliavano … Io sinceramente la consiglio perché più che la compagnia secondo me la differenza la fa l’aereo che ti capita (nuovo o vecchio)!

Bene, atterriamo all’aeroporto John F. Kennedy … Io che mi aspettavo di vedere subito la skyline di NYC in lontananza … zero, rimasto di merda! ahah … Vabè muoviamoci, essendo in 6 prendiamo un mini-van (praticamente un taxi abusivo! ahah) guidato dal classico nerone americano che in una mezzoretta senza rispettare un limite ci ha portati a destinazione, Manhattan, facendoci anche passare da alcune zone periferiche di Brooklyn e del Queens che tanto mi sono piaciute perché caratteristiche tanto mi hanno fatto doppiamente rimanere di merda perché era un misto tra zone residenziali molto carine e altre davvero periferiche stile favelas con a fianco i cimiteri … non so forse avrei anche potuto aspettarmelo ma probabilmente davo per scontato di atterrare sulla Fifth Avenue non so!! ahah

Arrivati nel nostro appartamento sulla 50th nel quartiere Hell’s Kitchen (si abbiamo scelto di affittare una casa attraverso il sito AirBnb … farò un altro post prossimamente altrimenti non me la cavo più), zona che consiglio assolutamente perché in pratica eravamo a 15 minuti a piedi da Central Park e 10 da Times Square … tra l’altro orientarsi a NY è davvero una cazzata perché è tutta a blocchi, e le vie sono chiamate e numerate in modo tale che tutte le “street” tagliano Manhattan in orizzontale, mentre tutte le “avenue” in verticale … quindi se hai un minimo di senso dell’orientamento è davvero facile! Comunque tra una cosa e l’altra si son fatte le 17 e iniziava a diventare buio, quindi primo posto che volevo vedere era Times Square con tutti quei grattacieli tappezzati di maxi schermi pazzeschi con mille luci e pubblicità ecc. … bene arriviamo … ci credete che all’inizio ci son rimasto di merda pure qui?! ahah (la butto un po’ sul ridere e ricordo che all’inizio di questo post – mille righe fa – ho iniziato dicendo che NY è rimasta la mia città preferita tra tutte quelle che ho visitato)

… dicevo, non so forse mi aspettavo grattacieli kilometrici e schermi spaziali … fatto sta che tempo 10 minuti di camminata in mezzo a quelle vie ho iniziato a respirare l’atmosfera newyorkese … infiniti taxi gialli, palazzi che quando ti trovi sotto a furia di guardare in alto per vedere la fine ti viene il torcicollo, sirene di polizia e ambulanze come sottofondo miste a clacsonate a più non posso, tombini che fumano, baracchini che vendono hot-dog e le peggiori schifezze … basta mi ero già innamorato di questa città!!! (forse le varie “delusioni” iniziali erano dovute ad aspettative un po’ senza senso che mi ero fatto, e anche alla stanchezza/rincoglionimento di tutto il viaggio).

Comunque per sintetizzare adesso cercherò di schematizzare la parte dei consigli su cosa vedere, cosa fare, dove mangiare, che locali frequentare…

DA VEDERE:

Times Square (molto suggestivo, soprattutto di notte tutto illuminato)

Central Park (consiglio di attraversarlo da metà in giù, direzione downtown e se andate in inverno di pattinare sul ghiaccio con vista mozzafiato sui grattacieli)

Upper East Side (quartiere molto bello con palazzi e boutique di lusso)

5th Avenue, Madison Ave e Broadway (il top in assoluto per lo shopping tra negozi e grandi magazzini si ha solo l’imbarazzo della scelta!)

Soho, Little Italy e China Town (il primo quartiere molto tipico, carino da girare e pieno di negozietti particolari molto carini; gli altri due in pratica sono due vie giusto da vedere ma non c’è assolutamente nulla di entusiasmante)

Financial District (al tramonto c’è una luce e un’atmosfera pazzesca, da un lato si è circondati dai grattaceli e dal 9/11 Memorial, dall’altro si vede il New Jersey e la Statua della Libertà)

Empire State Building (di notte, tutto illuminato fino all’orizzonte, una vista mozzafiato)

Rockefeller Center (di giorno, così da vedere “chiaramente” tutta Manhattan, sia verso UpTown con tutti Central Park, sia verso DownTown con Empire State Building e Financial District)

Ponte di Brooklyn (assolutamente da attraversare per poi ammirare tutta la meravigliosa skyline di Manhattan; più suggestivo al tramonto o direttamente di sera)

DA VISITARE:

Museum of Modern Art (carino anche se a parte 5 o 6 opere davvero stupende non mi ha entusiasmato … meno male che c’era il wifi gratuito! ahah)

Guggenheim (l’ho preferito leggermente al MoMa)

Museum of Natural History (a mio parere merita)

Madame Tussauds (sempre simpatico da visitare)

DOVE MANGIARE:

Fast Food (Mc Donald’s, KFC, 5 Guys, Pret-a-manger, Starbucks)

Whole Food (una sorta di catena di supermercati con tavola calda: buono, veloce ed economico)

Chelsea Market (marcato in cui si trova di tutto e di più)

Beauty & Essex (ristorante segreto nel retro di un finto negozietto, frequentato dai veri newyorkesi, stupendo!)

Kotobuki (Sushi)

Del Frisco (Hamburger)

Max Brenner (Cioccolato)

Pastis (Brunch)

LOCALI E DISCOTECHE:

Rooftop dell’Hotel The Standard : Boom Boom Room e Le Bain (due locali super glamour con vista pazzesca)

Marquee (discoteca fighissima molto nota e ben frequentata)

Pub (uno vale l’altro soprattutto se nelle strade meno centrali giusto per assaporare i posti tipici e molto easy americani)

COME MUOVERSI:

passi lunghi e ben distesi (ovviamente bisogna prepararsi a fare i kilometri anche se non si va per partecipare alla maratona! ahah)

abbonamento metropolitana (non l’ho trovata particolarmente ben funzionante e veloce come servizio ma senza dubbio resta indispensabile)

taxi (basta fermarli esattamente come abbiamo sempre visto nei film; oltre che essere davvero tipici e quindi vanno provati assolutamente li consiglio anche perché costano davvero poco, niente a che vedere con Milano!!!)

Con questo lunghissimo articolo spero di aver reso abbastanza l’idea e inserito tanti piccoli consigli che potrebbero tornarvi utili per un vostro futuro viaggio nella Grande Mela!

Qui di seguito allego qualche foto per me significativa di questo viaggio e cliccando sul questo link potrete vedere tutto l’album completo che avevo creato su Facebook: –> NEW YORK 2014 <–

Concludo con questa frase che penso possa riassumere il mio soggiorno e le mie emozioni dopo aver vissuto Manhattan:

“Don’t move to New York unless you’re ready to fall in Love”

NY1

NY2

NY3

NY6

NY7

NY8

NY4

IMG_8722

NY10

NY14

NY5

NY13

NY11

IMG_8725

NY15

 

This is my first post from the “Travels” category.

A short time before I’ve wondere: “Well, and now … Where could I start from?” and I’ve immediatelu known the answer … NEW YORK CITY !!!

Why NYC? … First of all it was one of my last traverls (January 2014) and perhaps the one I had always desired the most … The U.S.A. … an almost unreachable place that, as a child, haunted me in every film and on tv too … and made me fall in love … and every time I wish I could go there … soon or later … and then, this dream has come true, at last!

Where better go? Well, to me for the first time to rhe US you can’t miss NY … to me America is New York … more over my friends and I decided to go to Miami, both for the curiosity to visit it (my second dream) and to enjoy a summer holiday in the depths of winter (February) and most of all to recover from the Big Apple “big chill”! (thank goodness my intention was to give short relations, suggestions and advice! Ahah sorry but I’m not so concise!

However … trying to sum up …

First of all you need to book flights … yes, this is very important as it isn’t just round the corner … the first suggestion (pheraphs obiouvsly) is to book as soon as possible in order to have the cheapest prices … And if you don’t have a passport remember to do it in advice (it takes usually a month) ad it might be necessary fot booking the flight (it depends on the web or agency).

Second suggestion: choose the right period! … As I had chosen the US as my winter holiday, initially I thought to spend the Christmas Day in NY (logical, with the atmosphere as you can see in films…) and the New Year’s Day in Miami … but unluckily this programme changed, due to organizational reasons, and so, my friends and I decide to postpone our travel: NY at the end of January and Miami at the beginning of February … well, we didn’t regret it, absolutely!

… New York … always busy of course!! But as it wasn’t Christmas time, it was calmer and more beautiful to sightsee … to stay with the local people … not to be always surrounded by the usual tourists … Miami … perfect weather … 25 and 30 degrees on average … you didn’t boil and it was like being in Italy in June or in July !!!! … so the weather was ok, for the rest … lots of parties around swimmingpools, rooftops and clubbing … but pheraps if you want unrestrained enjoyment Ibiza style (and Miami is famous dor it too) perhaps the most suitable period is in Aprile, when there are lots of festivals!

Gosh … a poem! … and we haven’d landed yet! Ahah … Well my motto is “whoever loves me, follows me, or rather reads me!” ahah

Ok … We were on the plane, ready to a thousand hours of flight (9 long and yet very fast hours as we were looking forward to arraving!) … We choose American Airlines … lots of other didn’t … I sincerely suggest you it, because the airplane makes the difference (old or new!).

Well, we landed at J.F.K. Airport … I expected the NYC skyline could be seen in the distance … nothing … I was upset! Ahah … well, being 6 we caught a little can (in a few words an unauthorized taxi) driven by a classical American black who, in half an hour, with no respect for the speed limits, took us to our destination … Manhattan … we passed through some suburban areas in Brooklyn and the Queens … I liked them so much, both because of their peculiarities and because thy are a sort of very nice residential area and some others look like favelas in some suburban area close to cemeteries … I don’t know … maybe I should have expected oll that but probably I had taken granted to land on the 5thAvenue!! Ahah

We arrived in our apartment in the 50th Hell’s Kitchen district (we choose to rent a house checking the AirBnb website … I’m going to add another post in a near feuture, otherwise I won’t be able to getout of it).

I absolutely suggest you this area because we were 15 minutes walking from Central Park and 10 from Times Square … by the way it’s very easy to go around NY as it’s divided in blocks of buildings … the streets are called and numbered so that to cut horizontally Manhattan, while the avenues crosses it vertically … so it is very easy if you have just a little sense of direction! Lol

However with one thing and onother it was 5 p.m. and it was starting getting dark … so the first thing I wanted to see was Times Square and its skyscrapers covered with huge maxi-screens full of thousands of lights and advertisements … well … we arrived … Can you belive that? … in the beginning I was astonished ,,, I couldn’t belive that!! (I’m trying to laugh at it and remember that here, in my first lines – a thousands lines ago – I started by saying New York was my favourite city among all the cities I visited)

… I was saying, I don’t knkow … perhaps I expected kilometers of skyscrapers and spatial screens … the fact is that in 10 minutes walking among those streets I started breathing the true newyorkese atmosphere … endless yellow taxis, buildings causing you neckache when you try to look at them from the fisrt floor to the top, police and ambulance sirens together with klaxons never ending … smoking gratings, stallssellin hot-dogs and every sort of junk food … that was enough … I was already in love with the city !!! (perhaps the different initial disappointment was due to some meaningless expectations I had in the beginning, and to the tiredness of the traver too!

However, now, in order to sum up, I am going to schematize the “advice” part, concerning what to see, what to doo, where to eat and where to go…

TO SEE:

–          Times Square (very suggestive/charming, most of all at night, when everything is lighted)

–          Central Park (I suggest to go through it half way south and if you go in winter to ice-skate enjoying a beautiful sight of the skyscrapers)

–          Upper East Side (very beautiful district with luxury buildings and shops)

–          5th Avenue, Madison Ave and Broadway (tabsolutely the best for shopping! You will be spoilt for choice among shops and malls)

–          Soho, Little Italy and ChinaTown ( the first district is very characteristic, lovely to go round and full of very nice and particular little shops; the other two districts are just two streets to visit but there is absolutely nothing exciting to see!)

–          Financial District (at sunset there is a fantastic and incredible light and atmosphere; you are surrounded by the skyscrapers and by 9/11 Memorial on one hand, and on the other hand you can see New Jersey and the Statue of Liberty)

–          Empire State Building (in the evening, completely enlighted as far as the horizon, a breathtaking view!!!)

–          Rockfeller Center (in the daylight, so that to see “clearly” every part of Manhattan both towards UpTown and DownTown)

–          Brooklyn’s Bridge (absolutely to cross so that to admire the wonderful Manhattan skyline; more suggestive at sunset or directly in the evening)

TO VISIT:

–          Museum of Modern Art (lovely but I wasn’t thrilled except for 5 or 6 really marvelous works … thank goodness wifi was free!! Ahah)

–          Guggenheim (I prefer it to MoMa)

–          Museum of Natural History (in my opinion it is worth)

–          Madame Tussauds (always nice to visit)

WHERE TO EAT:

–          Fast Food (McDonald’s, KFC, 5Guys, Pret-a-manger, Starbucks)

–          Whole Food (a sort of chain of supermarkets with cafeterias/snack bars; good, fast and cheap)

–          Chelsea Market (a big market where you can find everything)

–          Beauty and Essex ( a secret restaurant hidden in the back of a fake shop, known only by real newyorkers … best place ever!)

NIGHTCLUBS AND DISCOS:

–          Rooftop of the Standard Hotel: Boom Boom Room and Le Bain (two glamorous places with breathtaking view)

–          Marquee (very well –known and busy cool disco)

–          Pubs (one is good as the other, especially if it isn’t in the main streets, only to enjoy the typical and very cozy American places)

HOW TO GO AROUND:

–          Be silent and walk !!! (obviously you must be prepared to walk kilometers even if you don’t go to NY to run the marathon!)

–          Underground Tickets (I didn’t find the service particularly in well working order and quick but with no doubt it remains indispensable)

–          Taxi (it is sufficient to stop them exactly as we have always seen in films … I suggest them because they’re really cheaps, nothing in comparison with Milan’s and in addition they are really typical and so you should absolutely experience them!)

I hope I gave you a quite good advice together with a quite good description which could be useful for your travels in the Big Apple in the future!

Herein you can find some significant photos about this travel … Click here the link and see the whole album I created on Facebook … -> NEW YORK 2014 <-

I’m finishing with a sentence that I think it could summarize my staying and my emotions after living Manhattan:

“Don’t move to New York unless you’re ready to fall in Love”

Advertisements

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...